• settembre 2002
  • ottobre 2002
  • novembre 2002
  • dicembre 2002
  • gennaio 2003
  • febbraio 2003
  • marzo 2003
  • aprile 2003
  • maggio 2003
  • giugno 2003
  • luglio 2003
  • agosto 2003
  • settembre 2003
  • ottobre 2003
  • novembre 2003
  • dicembre 2003
  • gennaio 2004
  • febbraio 2004
  • marzo 2004
  • aprile 2004
  • maggio 2004
  • giugno 2004
  • luglio 2004
  • novembre 2004
  • maggio 2005
  • marzo 2006
  • aprile 2006
  • maggio 2006
  • ottobre 2006
  • gennaio 2009
  • febbraio 2009
  • marzo 2009
  • aprile 2009
  • maggio 2009
  • luglio 2009
  • agosto 2009
  • dicembre 2009

  • This page is powered by Blogger. Isn't yours?

    tremate tremate le mie cazzate son tornate!

    mercoledì, gennaio 15, 2003

    altri adepti di Nietzsche su splinder;
    Nietzsche is my DJ la blogger Gardenia riporta un aforisma dalla Gaia scienza, Il peso più grande.«Che accadrebbe se un giorno o una notte, un demone strisciasse furtivo nella più solitaria delle tue solitudini e ti dicesse: "Questa vita, come tu ora la vivi e l'hai vissuta, dovrai viverla ancora una volta e ancora innumerevoli volte, e non ci sarà in essa mai niente di nuovo, ma ogni dolore e ogni piacere e ogni pensiero e sospiro, e ogni cosa indicibilmente piccola e grande della tua vita dovrà fare ritorno a te, e tutte nella stessa sequenza e successione - e così pure questo ragno e questo lume di luna tra gli alberi e così pure questo attimo e io stesso. L'eterna clessidra dell'esistenza viene sempre di nuovo capovolta - e tu con essa, granello di polvere!"» (F.Nietzsche)
    Ankora Gardenia:
    nell'agosto del 1881, in Engandina, «6000 piedi al di là dell'uomo e del tempo», Nietzsche ebbe la folgorazione - e sottolineo FOLGORAZIONE - dell'«eterno ritorno», il vero mistero filosofico della sua vita. Quindi non va interpretato alla lettera quanto dice, e - parte del suo enigma - non sarà mai del tutto disvelato. Fior di filosofi hanno tentato di interpretarlo, ma credo che la bellezza del Suo pensiero, stia proprio anche nella molteplicità delle interpretazioni...
    Il nichilismo di Nietzsche trova un superamento della pochezza umana, portandoci la figura dello Zarathustra, emblema appunto dell'Oltreuomo, il Superuomo (più mito che dottrina), modello inaudito di una vita ascendente, dove l'angoscia, le meschinità, pur attraverso i rovelli dell'esistenza, sono riscattate dalla rivelazione della DANZA, UNA VOLTA VISSUTA DA UN UOMO. La forza catartica della dottrina dell'eterno ritorno, sta nella sicurezza che, in base ad essa, ogni sentimento vittorioso di Zarathustra, è destinato a ritornare eternamente, e forse già nell'esistenza di quelli che ricevono l'insegnamento. Ma fermiamoci qui, perché Nietzsche è Tutto, anche contraddizioni, grande al punto tale, che ora, mi sta togliendo la parola...
    MAI INTERPRETARLO ALA LETTERA!

    Credo di amare le parole di Gardenia o almeno credo di amare il suo filosofo di riferimento...


    Nietzsche is my DJ !