• settembre 2002
  • ottobre 2002
  • novembre 2002
  • dicembre 2002
  • gennaio 2003
  • febbraio 2003
  • marzo 2003
  • aprile 2003
  • maggio 2003
  • giugno 2003
  • luglio 2003
  • agosto 2003
  • settembre 2003
  • ottobre 2003
  • novembre 2003
  • dicembre 2003
  • gennaio 2004
  • febbraio 2004
  • marzo 2004
  • aprile 2004
  • maggio 2004
  • giugno 2004
  • luglio 2004
  • novembre 2004
  • maggio 2005
  • marzo 2006
  • aprile 2006
  • maggio 2006
  • ottobre 2006
  • gennaio 2009
  • febbraio 2009
  • marzo 2009
  • aprile 2009
  • maggio 2009
  • luglio 2009
  • agosto 2009
  • dicembre 2009

  • This page is powered by Blogger. Isn't yours?

    tremate tremate le mie cazzate son tornate!

    martedì, dicembre 10, 2002

    hable con pedro;
    DOMANDA: Dopo il trionfo americano di” Tutto su mia madre”, come si è trovato a gestire la pressione delle grosse case di produzione americane nei confronti di quello che sarebbe stato il suo prossimo film?
    ALMODOVAR: Dopo l’Oscar, mi sono trovato di fronte ad una importante decisione da prendere. Gli americani premevano perché cominciassi a fare film con budget più alti, ma non me la sono sentita. Dopo diversi film alle spalle, mi sento di dire che sono l’unica persona al mondo che possa influire sulle scelte lavorative che faccio. Mi trovavo a Los Angeles e non vedevo l’ora di tornare a Madrid, tra la mia gente, nei posti che conosco, in quei luoghi che mi piace tanto filmare. E’ qui che mi trovo a mio agio ed è solo qui che possono nascere le storie che mi piace raccontare. E’ una questione di adattabilità ad un certo spazio, all’interno di una certa condizione produttiva. Non nascondo che la fama che mi sono guadagnato durante questi anni però mi permette di fare i film che voglio nella migliore condizione possibile.